PALAZZO EX UPIM, UDINE. SERENA PELLEGRINO: MEGLIO OPZIONE ZERO DI UN EDIFICIO DISARMONICO

Messaggero Veneto, 10 luglio 2017
«Meglio l’opzione zero
di un edificio disarmonico»

«Alle volte, piuttosto di realizzare un manufatto disarmonico, varrebbe la pena considerare l’opzione zero. Proviamo a immaginare se nello spazio ex Upim potessimo avere un giardino urbano dove i cittadini elaborano il loro progetto sociale e culturale così come accade oggi nel giardino Morpurgo». Quella dell’onorevole Serena Pellegrino (Si), la “madre” della proposta di legge sulla Bellezza, è una provocazione per ribadire che «oggi fare architettura vuol dire avere ancora capacità di fare inserti organici al contesto come fece Valle quando realizzò in via Mercatovecchio l’inserto evidentemente moderno».Purtroppo, è sempre la tesi di Pellegrino, «negli ultimi decenni in Friuli e su tutto il territorio nazionale anziché privilegiare le architetture sono state promosse le cubature in nome di una rendita immobiliare. Ovunque la committenza ha privilegiato gli utili piuttosto che la realizzazione di manufatti architettonici che fossero perfettamente inseriti nei nostri contesti urbani. È come se avessimo dimenticato la nostra storia dell’architettura che ci ha fatto belli nei secoli».

Privacy Policy | On.Serena Pellegrino, Sinistra Italiana. Tutti i contenuti riservati salvo diversamente indicato. | Credits