ECOLOGIA E PASOLINI. SERENA PELLEGRINO (LEU-SI): PASOLINI TRA GLI ECOSCRITTORI. NE SAREBBE FELICE ANCHE LUI.

7 febbraio 2018.

ECOLOGIA E PASOLINI.
SERENA PELLEGRINO (LEU – SINISTRA ITALIANA): IN UN SAGGIO SUGLI ECO SCRITTORI, PIER PAOLO PASOLINI CITATO QUALE ESEMPIO, DIMOSTRAZIONE DI QUANTO SIA SEMPRE VIVO E PRESENTE TRA NOI.
La battaglia per appurare la verità sul suo assassinio deve proseguire nella prossima legislatura: una verità che è chiave di volta per la comprensione della storia italiana e della situazione presente.

Mai trascurare le “terze pagine” dei quotidiani.
Nei giorni scorsi, un autentico dono me l’ha offerto IL PICCOLO, con la recensione/intervista di Roberto Carnero su “ E’ l’epoca degli eco scrittori”.
Non solo perché il mio cuore è per metà di un bel rosso politico e per l’altra metà verde in tutte le sfumature create da Madre Terra, ma perché l’autore dell’articolo introduce il tema ricordando Pier Paolo Pasolini e anticipando quanto scritto da Niccolò Scaffai in “Letteratura e ecologia. Forme e temi di una relazione narrativa” (Carocci, pagg. 272, euro 26,00).

Scrive Carnero:  “Per molti scrittori italiani, l’ecologia è stata una chiave per illustrare questioni storiche e sociali. È stato il caso, ad esempio, di Pier Paolo Pasolini, che tendeva a interpretare le dinamiche socio-economiche come alterazioni di un ecosistema. Pasolini ha parlato di una «mutazione antropologica» della società italiana che, dagli anni Sessanta in poi, avrebbe annullato le differenze nei comportamenti e nei desideri tra individui di classi e ideologie diverse. Per illustrare questa dissoluzione della “biodiversità sociale”, Pasolini ha fatto ricorso a immagini ecologiche: pensiamo al famoso articolo sulla scomparsa delle lucciole, del febbraio 1975, uscito nel «Corriere della Sera» (e poi raccolto negli Scritti corsari).”

Mi auguro di dover fare la fila in libreria per acquistare il saggio di Scaffai, mentre il volume Scritti Corsari è già tra i libri della mia vita, insieme a tutti gli altri scritti pasoliniani.

Un lungo lavoro parlamentare ci ha portato ad un passo dalla costituzione della commissione d’inchiesta sull’assassinio di Pier Paolo Pasolini. Una ad una vorremmo vincere le ottusità di chi ci sta portando dritti allo scontro contro quell’iceberg di cui quella che emerge è solo la punta. I soliti nomi continuano ad ignorare quanto scritto e detto da Pasolini,  i messaggi, le informazioni, le analisi divulgate da cinquant’anni. Noi non ci stancheremo di replicarle e attualizzarle.

Privacy Policy | On.Serena Pellegrino, Sinistra Italiana. Tutti i contenuti riservati salvo diversamente indicato. | Credits